Saluti e auguri

Quasi Natale

Eccoci, ci siamo. Arriva Natale. Dopo tanti preparativi  siamo alla notte della vigilia. Chi è credente stanotte rievoca con commozione la nascita del Salvatore, chi non lo è, sente comunque che qualcosa di magico è nell’aria. Per ognuno di noi questa non è una notte qualsiasi, è “La” notte. I bambini aspettano frementi Babbo Natale, alcuni sbirciano dalla finestra per cercare di scorgere la slitta con le renne. I genitori già pensano ai loro occhioni sgranati del mattino seguente, quando vedranno i doni sotto l’albero. E la festa comincia.

L’Albero di Natale

di Mario Faustinelli

C’è un misterioso alberello
venuto chissà da quali foreste,
Che tutti gli anni sotto le feste spunta in un angolo del tinello.
E’ inverno, e gli alberi fuori dormono tutti
ma questo, al caldo di casa, dà fiori e dà frutti:
son mele lucenti, cristalli di neve, stelline d’ottone
rimaste sepolte un anno dentro una scatola di cartone.
L’albero adesso è come un re vestito da festa
che ha per corona una stella cometa in cima alla testa.
Nel bosco dei rami, tra dolci e dolcetti, svolazzano senza fine
uccelli angioletti e lucciole di mille minuscole lampadine.
Quando poi viene la notte delle notti, lustrini, mele stelle d’argento,
nell’albero che fa da cielo formano un piccolo firmamento
…. sopra un presepio disperso dove un bambino, giocando,
nel gran silenzio dell’universo torna a venire al mondo.