Quattro chiacchiere · Schegge di vita · Senza categoria

Quando la “rete” pesca amicizia

Da un po’ di tempo a questa parte Maurizio si è appassionato all’attività di taglialegna. Nel poco tempo che ha disponibile, per divertimento, ma anche per foraggiare il caminetto che tira come un dannato, raccoglie, taglia e sistema quintali e quintali di tronchi. Un suo amico giardiniere gli mette da parte gli alberi che gli càpita di tagliare e in questo modo si fanno piacere a vicenda: Maurizio perché si ritrova legna a costo zero, e il suo amico perché si trova il piazzale ripulito senza dovere fare falò per eliminare gli alberi tagliati.
Si è attrezzato con motoseghe semiprofessionali (lui le chiama “le bambine”) e nei pomeriggi liberi si dà alla pazza gioia.
Un giorno che aveva bisogno di alcuni consigli si è iscritto ad un forum frequentato da giardinieri, boscaioli e quant’altro e da allora continua a seguirli con piacere e, come càpita, a scambiare battute ed esperienze con gli altri “navigatori” del forum.
Uno di loro, proprietario di un’azienda agricola vicino a La Spezia, ha avuto ingenti danni dall’alluvione recente. Il terreno che prima era coltivato, recintato e ordinato si è ridotto ad un amasso di sassi, tronchi e fango portati dalla furia dell’acqua.
Bene, potenza della rete, in men che non si dica si sono organizzati, sono partiti in dieci alla volta di La Spezia e attrezzati di motoseghe, camion, muletti e due piccole scavatrici, sono andati ad aiutarlo. Insomma, nell’arco di due giorni la differenza era notevole, certo non è come prima, ma almeno quel povero diavolo ha preso una bella dose di ottimismo. Maurizio è tornato a casa la sera stanco, ma pieno di un’energia particolare, data dalla gioia di avere dato un contributo importante per aiutare quell’amico fino ad allora solo “virtuale” e di avere conosciuto di persona anche tutti gli altri del forum, che prima erano soltanto buffi nicknames. Insomma, una giornata di lavoro in allegria, per risollevare sorti e morale di un amico in difficoltà. E alla fine del lavoro, una bella gara di taglio della legna per mettere alla prova e a confronto le “bambine” (che hanno saputo tenere alto l’onore di famiglia 😉 )

Senza categoria · Teaser Tuesdays

Teaser Tusday #4

Per questo quarto appuntamento , voglio proporvi un libro divertente, a tratti davvero esilarante, nel quale mi sono riconosciuta. O meglio, nel quale ho riconosciuto il nostro Charlie…

  “Per quanto patetico possa sembrare, marley era diventato la mia anima gemella, il mio quasi alter ego, il mio amico. Era l’indisciplinato, recalcitrante, anticonformista, politicamente scorretto spirito libero che avevo sempre desiderato essere, se fossi stato abbastanza coraggioso, e indirettamente traevo gioia dal suo sfrenato brio. Per quanto complicata fosse diventata la vita, mi ricordava le sue semplici gioie. e nonostante le numerose richieste che mi rivolgeva, non i permetteva di dimenticare che la disobbedienza intenzionale a volte vale il suo prezzo. In un mondo pieno di padroni, lui era padrone di se stesso.”

John Grogan – “Io e Marley” – pag. 161

Poesie, frasi celebri, racconti · Quattro chiacchiere · Senza categoria

Il valore di un sorriso

Donare un sorriso rende felice il cuore.
Arricchisce chi lo riceve senza impoverire chi lo dona.
Non dura che un istante  ma il suo ricordo rimane a lungo.
Nessuno è così ricco da poterne fare a meno,
né così povero da non poterlo donare.
Il sorriso crea gioia in famiglia, dà sostegno nel lavoro
ed è segno tangibile di amicizia.
Un sorriso dona sollievo a chi è stanco
rinnova il coraggio nelle prove e nella tristezza è medicina.
E se poi incontri chi non te lo offre sii generoso e porgigli il tuo:
nessuno ha tanto bisogno di un sorriso come colui che non sà darlo.

                                                                                                P. Faber