Fra me e me · Notizie e politica · Senza categoria

Se non lo avete ancora capito…

images

…entro il 31 Gennaio va pagato il canone della Rai.  No, ve lo dico perché è probabile  che da qualche parte in un paesino sperduto ci sia qualcuno che il televisore lo usa come acquario e ci fa nuotare i pesciolini. E ovviamente, non potendolo accendere, non avrà visto ad ogni edizione di ogni telegiornale di ogni giornata a partire da capodanno, l’appello di come, dove e quando si può pagare. Insomma paghiamolo e facciamola finita, che non se ne può più. E menomale che almeno ora lo chiamano col suo nome: tassa. Perché essere presi per i fondelli con la storia dell’abbonamento era davvero troppo.

Un appello però lo faccio io ai signori della Rai: con questi chiari di luna la gente le tasse le paga l’ultimo giorno, quindi non vi stupite se non abbiamo ancora assolto l’obbligo e fateci il piacere, risparmiate tempo e soldi (che tanto li tiriamo fuori noi) per la propaganda, e aspettate almeno il 31.

Quattro chiacchiere

Il nome delle cose

368723_8NK62E3JHY3JPT1DJOMFZJL573OTJA_rose-fleur-divine_H133618_L
Che cosa c’è in un nome?  
Quella che noi chiamiamo rosa,
anche chiamata con un’altra parola avrebbe lo stesso odore soave…”

(W. Shakespeare)

Non capisco la moda di chiamare le cose con dei sinonimi per farle sembrare migliori.
Anche perché la sostanza non cambia.

Contributo Volontario  (alias TASSA DI ISCRIZIONE )

Ieri mi è arrivata a casa la modulistica per l’iscrizione di Gabriele alla classe successiva.
Con un bollettino da pagare di 37 euro per “contributo volontario”.  Visto che il pagamento di questa cifra è condizione obbligatoria per l’iscrizione all’anno successivo, perché chiamarlo  “volontario”? Chiamiamolo col suo nome, almeno non ci sentiamo presi per i fondelli.

Abbonamento Rai (alias CANONE TV)

Ovvero tassa di possesso, ma viene chiamata “abbonamento”. Ora io posso abbonarmi ad una rivista, e disdire l’abbonamento quando mi pare. Ma se ho un televisore, anche se non guardo la RAI, devo pagare “l’abbonamento” altrimenti viene la Finanza e me lo sigilla in un sacco di juta… anziché oscurare solo i canali RAI, e lasciarmi guardare gli altri che sono gratis. Chiamarlo col suo nome indurrebbe la gente a pagarlo più di malavoglia? Ditemi chi lo paga volentieri, anche con questo nome…

Operatore Ecologico (alias SPAZZINO)

Il lavoro è lo stesso ma così è forse più chic?

E proseguiamo con i vari “non vedente”, “ipoudente”, “claudicante”,  “agente di custodia”, e chi più ne ha più ne metta, come se i vari cieco, sordo, zoppo, secondino, dovessero per forza avere un’accezione negativa.
Gli unici  sinonimi che ammetto sono:
– “di colore” anziché nero, perché in questo caso sì, viene spesso espresso in modo dispregiativo.
– “diversamente abile” anziché “disabile” perché la parola disabile è troppo limitativa, una persona con handicap può benissimo essere abile in tante cose, magari facendole in modo diverso dagli altri.

In tutti gli altri casi, chiamiamo le cose col loro nome e smettiamola di farci le pippe mentali!