Quattro chiacchiere · Schegge di vita · Senza categoria

L’ora X

Ok, donne, ci siamo. Adunata  dello sparuto drappello   della truppa di combattenti per dare il via all’offensiva contro il grasso superfluo.
La  battaglia sarà dura, alcune cadranno nell’impresa, ma altre riusciranno a vincere la guerra!  Il Quartier Generale è da  lei, dove andremo a fare rapporto per riportare vittorie e sconfitte quotidiane.

Ordine del giorno: pesarsi, misurarsi vita e fianchi (per un corretto dimagrimento che sia di grasso e non di liquidi, ad ogni chilo perso deve corrispondere un centimetro in meno). Io l’ho già fatto (ma non lo dico neanche sotto tortura, e mi sono fatta condizionare a non parlare sotto Pentothal 😉 ).

Forza allora, lotta dura senza paura!

Saluti e auguri · Schegge di vita · Senza categoria

Se…

  • Se quando siete sedute sul divano sembrate una balena spiaggiata e per rialzarvi serve un paranco…
  • Se siete rimaste bloccate fra le porte della banca e vi accorgete del cartello “entrare uno per volta”…
  • Se dite a vostro figlio: “Camminiamo in fila indiana” e lui vi risponde: “Ma come facciamo? Tu da sola sei già in fila per due!”…
  • Se le cinture di sicurezza dell’aereo hanno un effetto “laccio emostatico”…
  • Se non potete salire sulle attrazioni del Luna Park perché non si chiudono le maniglie di sicurezza…
  • Se le maglie non sono mai abbastanza lunghe ed i pantaloni abbastanza larghi…
  • Se i vostri figli hanno scritto sul frigo “Sei a dieta avvoltoio!” con le letterine magnetiche del Danone…
  • Se la prima rampa di scale vi stanca e la seconda vi uccide…
  • Se al supermercato i bambini vi guardano e tirano la mano della mamma, e quella dà loro un’occhiataccia…
  • Se il detto “Grasso è bello” inizia a starvi stretto (pure quello)…
  • Se in giro vedete sempre meno persone più grasse di voi…
  • Se guardandovi nelle vetrine vedete riflessa un’immagine che non vi piace neanche un po’…

Se recentemente  vi è capitata una o più di queste situazioni, ebbene è arrivato il momento tanto temuto. E’ davvero ora di correre ai ripari. E visto che queste situazioni a me sono capitate TUTTE,  direi che il mio momento è giunto già da un po’. Manca solo che la bilancia arrivi al punto massimo raggiungibile e poi la disfatta è totale. Quindi, prima di questa ulteriore umiliazione, ho deciso di  rimettermi a dieta. Che stavolta spero di portare a termine, riuscendo a mantenere poi il peso raggiunto. Ho rimandato questa decisione fino all’inverosimile, e prima che si arrivi al punto di non ritorno, e visto che ci si avvicina pure alla famigerata menopausa (che di certo non aiuta a dimagrire), è ora di prendere il toro per le corna. Quindi farò bagordi aspetterò ormai fino a fine agosto e poi, mese nuovo vita nuova, giù di dieta e di palestra. Sostegno morale richiesto.

p.s. Chi volesse inviare panini sottobanco mi può contattare via mail per l’indirizzo Occhiolino

Quattro chiacchiere

Certo siamo messe proprio male…

53994f7bce3e8cbeb75ef8f619e6e5cb 

Se dobbiamo credere che la pubblicità rispecchia la nostra vita, devo dire che il quadro è demoralizzante.
Vediamo uomini che si spupazzano bellissime donne nelle auto o in una barchetta sotto i Faraglioni, uomini che non devono chiedere mai, e che se proprio sono distrutti da una notte di passione possono darsi una tiratina alle borse sotto gli occhi con il  roll -on.
Ovviamente girano in auto da sogno, soli, o tuttalpiù  con una bella stangona accanto, ad ammirare il panorama nel silenzio dell’abitacolo.

Destino diverso per noi, afflitte da perdite di ogni tipo e colore, peli superflui, pruriti intimi, dolori di ogni  origine e natura.
Sempre alle prese con i vestiti che non entrano (ma li hai mangiati i Kellogg’s?) o con pasticche dimagranti da ingurgitare di giorno e di notte, creme spalmabili sui punti difficili, capelli tinti, stinti, arricciati o lisciati.
Viaggiamo con  passeggini, biciclette e bambini urlanti, tutto ben incastrato in piccole utilitarie (ma perché loro da soli in auto grandissime,  e noi aggrovigliate  tipo Tetris con tutta la mercanzia?), ci diamo la carica con  un rito propiziatorio Mahori (giusto per impressionare le piccole belve, nella speranza che ci facciano almeno concentrare alla guida).
Se proprio siamo veramente in gamba riusciamo a preparare una merenda decente, o addirittura un pasto frugale. Magari con l’aiuto di cibi precotti e surgelati.

Menomale che possiamo almeno contare sul valido aiuto di Giovanna, che però, dopo averci verniciato la ringhiera, dà l’idea di volerci ripassare anche il marito. Chissà, magari è proprio lei, seduta sulla loro macchina, che si sta facendo portare ai Faraglioni…

A noi non resta che sperare in qualche prodotto che ci faccia passare il prurito…

¯¯“…siamo così, dolcemente complicate…” ¯¯

Saluti e auguri

A tutte voi

“….unica come sei, immensa quando vuoi, grazie di esistere”

Le ricorrenze per me sono sempre un po’ un casino.
Avevo in mente di scrivere un bel post, cercavo una poesia che avevo letto tempo fa, mi sembrava bellissima. La trovo in un blog. L’autrice del blog me la smonta pezzo per pezzo e in fin dei conti, leggendo bene fra le righe e togliendo i quintali di miele che la impregnavano, devo dire che concordo con lei.
Alternativa: un augurio a tutte le donne, elencandone le varie caratteristiche, “a quelle che…” etc. etc. Però mi hanno battuta sul tempo (beh, imparerete che io sono sempre l’ultima ruota del carro per questo genere di cose). 
Quindi non mi rimane che ritirarmi in buon ordine, facendo gli auguri a tutte le donne con solo poche parole…ognuna di voi è unica per quello che è.
Non cambiate, a meno che non siate VOI a desiderarlo per voi stesse.
Un grande in bocca al lupo per i prossimi 364 giorni.