Quattro chiacchiere · Saluti e auguri · Senza categoria

Festa della mamma: vademecum per ragazzi

Festa mamma
(immagine dal web)

Grazie a Facebook nessun figlio ormai ha più la scusa di non ricordare che giorno è oggi.
Quello che i figli sembrano non avere ancora capito è che le mamme, nonostante tutte le abilità che imparano nel corso degli anni e nonostante l’impegno che ci mettono, non sono ancora in grado di leggere il pensiero.

Lo dico a pro delle mamme, perché in futuro possano riuscire ad accaparrarsi, oltre agli auguri, anche una seppur minima dimostrazione di affetto.

Ossignore! Affetto? Che parola sconosciuta… Eh si, sconosciuta per la maggior parte dei ragazzi, che rifuggono come la peste nera ogni qualsivoglia esternazione di emozioni al di fuori della rabbia (oh, con quella gli riesce parecchio bene 😉 ) Cercare di dare loro un bacio è un affronto alla loro integrità psicofisica, si rischia grosso.

Ragazzi, l’affetto non fa venire brufoli né altre malattie.
Se – come credo –  volete bene alla vostra mamma, abbracciatela quando meno se lo aspetta (non se lo aspetta mai, ve lo posso assicurare) e sussurratele in un orecchio quelle quattro parole che proprio stentano ad uscirvi di bocca “Ti voglio bene, mamma”

E’ probabile che la vedrete con gli occhi lucidi. Di emozione, stavolta.

E se proprio vi vergognate fatelo di nascosto. Ma fatelo, che sotto sotto farà bene anche a voi.

AUGURI MAMME!

 

Saluti e auguri

La mamma NON è sempre la mamma

In genere sono dell’idea che i modi di dire, i proverbi e quant’altro, siano basati sempre su un fondo di verità. E mi piace usarli, perché spesso riescono ad esprimere bene un concetto, a fare un paragone, una similitudine. Uno dei pochi che non riesco proprio a digerire è quello che cita: “La mamma è sempre la mamma” Che significa? Ci sono mamme che abbandonano i figli appena nati, che li picchiano, che li maltrattano fisicamente e psicologicamente. Che non li curano, che li mandano a mendicare pochi spiccioli.
E solo per il fatto che sono le loro mamme, automaticamente sono giustificate? No, io proprio non la mando giù.  A volte l’istinto materno di alcuni animali è superiore a quello di alcune madri.
Essere mamma significa molto, molto di più. Vuol dire innanzitutto AMARE il proprio figlio, curarlo, sostenerlo nei momenti di difficoltà. Significa accompagnarlo nelle scelte difficili, lasciarlo libero realizzare i propri sogni anziché i nostri. Significa ESSERCI quando lui ha bisogno di sentirci vicino, e non esserci quando lui ha bisogno di libertà. Significa lasciarlo sbagliare, e poi curargli le ferite, sperando che non siano troppo profonde e che guariscano in fretta, lasciando solo una piccola cicatrice che servirà a ricordargli in futuro l’errore commesso. Essere mamma significa tutto questo e molto di più, ecco perché è troppo semplice pensare che il solo fatto di dare la vita ci affranchi da tutto il resto.
In questa giornata un discorso così può sembrare fuori luogo, ma è proprio questo il giorno che secondo me è più indicato.
Un augurio a tutte le mamme che sono degne di questo nome, perché “la mamma NON E’ sempre la mamma”

MyFreeCopyright.com Registered & Protected