Figli · Piccoli inconvenienti quotidiani · Ridiamoci su · Senza categoria

Punti di osservazione

Premessa: Quando la porta del ripstiglio resta aperta il cane (soprannominato Arsenio Lupin) entra e fa la spesa nei contenitori  di carta e plastica, e poi si diverte a sparpagliare il tutto in salotto…)
Dopo aver detto a tutti più e più volte di chiudere la porta, a seguito dell’ennesima devastazione, presa dalla rabbia ho affisso questo cartello

dav

Senonchè il giorno dopo, sicura di aver chiuso io stessa la porta, ho tenuto d’occhio l’Arsenio in questione e ho capito che lui…ha imparato ad aprirla!

Parlandone a tavola, Simone mi fa:

– Per forza la apre! Ora ci penso io!

Due minuti dopo eccolo che attacca questo in basso sulla porta…

dav

– Vedi? Era troppo in alto e poi in una lingua straniera…Ora sì! 😀

p.s. Ammiro l’ottimismo, ma a giudicare da quello che ha combinato dopo presumo che proprio non sappia leggere!  ,-)  🙂

Figli · Quattro chiacchiere · Ridiamoci su · Senza categoria

Bastardi dentro #10

bmw1
Maurizio, tutto concentrato sul sito della Bmw Motors, riempiva un questionario per una simulazione che  calcola quale moto è piu adatta al tuo fisico.
Io, accanto a lui, assistevo e aiutavo -metro alla mano- a riempire i vari campi.
Simone, avvoltoio sulla spalliera, osservava quatto quatto con aria sorniona in attesa di un passo falso….

Maurizio- Allora….genere: maschio! Altezza….
Io- 1,67…..
– Bene, 1,67….. cavallo…cosa intendono per cavallo?
– Intendono la lunghezza interna della gamba….vieni qua ti misuro….73 cm
– Ok, 73 cm…..ma….come mai non va sotto a 74?

Simone– Per forza, sopra 74 è un cavallo, sotto 74 E’ UN PONY!!!

Figli · Quattro chiacchiere · Ridiamoci su · Schegge di vita · Senza categoria

Bastardi dentro #4

Fresca fresca di ieri:

A tavola.

Io: Insomma Gabriele, devi decidere che sport vuoi fare. Non ti va bene niente, nuoto no, arti marziali no, tennis no, scherma no, ginnastica no…

Gabriele: Ma non ce n’è uno che mi piaccia…e poi sono tutti troppo faticosi…

Io: Equitazione?

Gabriele: Mah….insomma…

Io: Ho trovato! Pilates?

Gabriele (indicando la testa un po’ calva di Maurizio): No,  PELATES lo fa lui! 😉

…se Dio vuole l’ironia la sparpagliano!

Fra me e me · Quattro chiacchiere · Senza categoria

Le battaglie degli altri

200703131552mendicante

Mi è successa una cosa tempo fa che mi ha lasciato un po’ perplessa, e anche un po’ delusa di me stessa. Mi rifrulla in mente ogni tanto e non trovo una risposta.

Dovevo andare in centro a comprare un libro. Nel sottopassaggio c’era una mendicante con due bambini piccoli nel passeggino. Dietro di me una signora con il nipotino a piedi. La mendicante ci ha chiesto l’elemosina. Pensai che non avrebbe dovuto mendicare con i bambini, e prima che potessi fare o dire qualsiasi cosa (non so esattamente cosa) la signora dietro a me la apostrofò dicendole: “Ma perché li hai fatti allora quei bambini?” E parlando fra sé a voce alta: “Siamo pieni di questa gente, io non ne posso più!”. Mi sono vergognata per lei, per la sua maleducazione. Mi ha fatto pena la mendicante che si è dovuta giustificare dicendo che erano gemelli. Non ho avuto il coraggio di difenderla dagli insulti di quella donna. Poi ho pensato che non doveva però tenere i bambini in quel sottopassaggio a mendicare, e che lo faceva per impietosire la gente, e che avrei dovuto avvertire qualcuno del suo sfruttamento dei minori. Poco più in là c’erano tre vigili urbani a piedi, volevo avvertirli. Ma mentre passavano non ho avuto il coraggio di dire niente, pensavo che forse quei bambini la sera avrebbero mangiato se la madre riusciva a racimolare qualcosa. Perché tutte queste contraddizioni? Perché  non sono riuscita a schierarmi con i più deboli? Mi sono vergognata di me, della mia insicurezza e del non sapere mai qual’è la cosa giusta da fare in questi casi… perchè non ho  la forza di combattere  le battaglie degli altri?