Iniziative importanti · Quattro chiacchiere · Schegge di vita · Senza categoria

Oh yes, I’M GREEN !!!

Ammiro da sempre chi combatte battaglie in nome dell’ecologia e degli animali.
Sono elettrizzata dai blitz di Greenpeace e gioisco per i loro successi. Mi piace quando Striscia la notizia smaschera canili lager e detentori di animali esotici,  quando vengono salvati cuccioli e animali di ogni specie destinati alla vivisezione, o chiuse  definitivamente anticamere della morte  come GreenHill (pure il nome ecologico avevano, che ironia eh?!?!).

Per mia indole, non sono purtroppo fra quelli che scendono in piazza per un ideale, e non vado a manifestazioni di alcun genere, tuttavia nel mio piccolo, cerco di fare il possibile per fare la mia parte:

– Scelgo detersivi biodegradabili per le pulizie e per la lavatrice (per quanto possibile, visto che la scelta non è vasta, ma su questo argomento penso di ritornarci), e faccio attenzione che ci sia la dicitura “non testato su animali”.

– Cerco di non sprecare acqua, soprattutto in periodi di siccità come questo (il mio giardino grida pietà e vendetta nello stesso tempo, visto che lo annaffio il minimo indispensabile per cercare di mantenere in vita le poche piante che ho).

– Raccolgo animali abbandonati o sperduti (non riesco a lasciarli per strada, e per fortuna anche i miei figli hanno nel dna l’amore per gli animali), giusto venerdì scorso Simone ha raccolto una canina che pensava abbandonata, invece era solo fuggita (per poco non l’adottavamo…)

– Faccio con scrupolo la raccolta differenziata (compreso il compost).

– Uso gli elettrodomestici solo a pieno carico (l’unico modo possibile visto che siamo cinque in famiglia 😉 ).

E da oggi, affinché nessuno si renda colpevole involontario di inquinamento da anidride carbonica visitando le mie pagine (così non avete scuse), il mio blog è…

 

co2-neutral

 

Il mio blog è Co2Neutral, è un’ iniziativa ambientalista  che si propone di azzerare le emissioni Co2 di ogni  blog piantando un albero in una zona boschiva a rischio di desertificazione.
Per ogni blog o sito che aderisce all’ iniziativa, viene piantato un albero la cui produzione di ossigeno andrà a compensare le emissioni di Co2, andando così a neutralizzare l’anidride carbonica che esso produce. 

Questo dato non è particolarmente noto, ma un sito internet produce in media 3,6Kg di anidride carbonica ogni anno, abbastanza preoccupante se pensiamo alla miriade di siti web che esistono, ma un albero può assorbire fino a 5Kg di Co2 ogni anno e proprio per questo che aderendo all’ iniziativa contribuiremo a fare del bene . . .

Il mio blog ora è a impatto zero! Io un altro passetto per l’ambiente l’ho fatto….qualcuno mi segue?!?!?

Aggiornamento 20/8/2014

Ho ricevuto una mail dall’organizzatore di questa campagna, che mi richiedeva di togliere i link che rimandavano all’iniziativa in quanto ritenuti da Google “link innaturali” cioè link che rimandano a pagine che non hanno attinenza con gli argomenti trattati nel blog (e anche a me, all’epoca, sembrò che fosse così  ma era  parte integrante della campagna per piantare l’albero e mi sembrò che fosse un compromesso “accettabile”). Ovviamente ho provveduto ad eliminare i link. Ma non mi sono sentita di eliminare il post, perché l’iniziativa in sé mi sembrava e tuttora i sembra ottima ed io vi ho aderito in buona fede e con convinzione. Oltretutto non credo che questo post, così come è formulato ora, senza i link, leda nessuno. Se così fosse, aspetto la prossima mail per provvedere ad ulteriori eventuali modifiche..

Fra me e me · Poesie, frasi celebri, racconti · Quattro chiacchiere · Senza categoria

Dieci Agosto

Quest’anno le stelle cadenti sono in ritardo, gli esperti prevedono che cadranno nei prossimi due o tre giorni. In verità, qualcuna dev’essersi avvantaggiata visto che Maurizio giura che  proprio ieri l’altro ha avvistato la prima stella cadente in vita sua. E io ero proprio lì, che jattura, guardavo l’altra metà del cielo….
Spero di rifarmi, osservando a naso all’insù la volta celeste nei prossimi giorni.  Gli astronomi dicono che cadranno circa dodici stelle l’ora, in direzione  Nord-Est. Almeno adesso so da che parte guardare 😉

Ma cosa sono le stelle cadenti? La leggenda narra che si tratta delle lacrime di San Lorenzo, il martire cristiano arso vivo il 10 agosto del 258 perché non voleva ritrattare la sua fede. Secondo gli scienziati, invece, sono particelle di polvere della cometa Swift-Tuttle  passata vicino alla Terra l’ultima volta nel 1992, che entrando nell’atmosfera terrestre si incendiano e si trasformano in meteore. (1992…uhm, proprio l’anno di nascita di Simone…, vorrà dire qualcosa?).
Entrambe le teorie sono ugualmente affascinanti.

Sarò fortunata? Chi lo sa… ad ogni buon conto il desiderio è già bell’e pronto per essere sfoderato al momento opportuno.
Preparatene uno anche voi.
E mentre aspettiamo le “lacrime di San Lorenzo” vi lascio in compagnia di questa che è una delle mie poesie preferite (ma tristeeee!)

X AGOSTO  

San Lorenzo, io lo so perché tanto
di stelle per l’aria tranquilla
arde e cade, perché si gran pianto
nel concavo cielo sfavilla.

Tornava una rondine al tetto:
l’uccisero: cadde tra spini:
ella aveva nel becco un insetto:
la cena dei suoi rondinini.

Ora è là, come in croce, che tende
quel verme a quel cielo lontano;
e il suo nido è nell’ombra, che attende,
che pigola sempre più piano.

Anche un uomo tornava al suo nido:
l’uccisero: disse: Perdono;
e restò negli aperti occhi un grido:
portava due bambole in dono…

Ora là, nella casa romita,
lo aspettano, aspettano invano:
egli immobile, attonito, addita
le bambole al cielo lontano.

E tu, Cielo, dall’alto dei mondi
sereno, infinito, immortale,
oh, d’un pianto di stelle lo inondi
quest’atomo opaco del Male.    

(G.Pascoli)

Quattro chiacchiere · Schegge di vita · Senza categoria

Bolgheri (post chilometrico, preparate generi di conforto…)

Da 23 anni andiamo nella stessa località di mare.
Ci credete se vi dico che e non avevamo mai visitato un piccolo borgo (tra l’altro molto famoso) a pochissimi chilometri da lì?!?!? Eppure è così. Fino a quest’anno abbiamo sempre programmato i giorni di vacanza ripetitivamente, cercando di assecondare le esigenze di tutti, quindi:  parco giochi tematico per i ragazzi, impianto termale per me, a volte acquario di Genova per tutta la famiglia e così via, non considerando che ogni anno non rientrava nel programma qualche escursione nel circondario.
Quest’anno abbiamo un po’ rivisitato e rimodernato la “scaletta” delle vacanze e abbiamo apportato qualche piccola variazione.  Prima di tutto  l’acquario che abbiamo visitato è stato quello di Livorno.
E’ stata una piacevolissima sorpresa, molto più vasto di come ce lo aspettavamo, con moltissime varietà di pesci ed organismi marini, nonché la ricostruzione di una nave antica con  spiegazione del sistema di carico delle anfore. Perdipiù, al piano superiore si può visitare la mostra “Kosmos: il cielo e le stelle dell’antichita’ a Galileo” ideata dal Museo Galileo – Istituto e Museo di Storia della Scienza di Firenze. Mostra molto interessante davvero, piena di ricostruzioni, modelli in scala e postazioni interattive che illustrano la storia degli studi astronomici, dalle popolazioni più antiche, ad Aristotele e Tolomeo e fino alle intuizioni e scoperte di Copernico e Galileo sul moto dei pianeti. Al ritorno, una visita al mercatino americano di Livorno con due maschietti è stata ovviamente una tappa obbligata; in casa nostra mimetiche, fucili a gas e/o aria compressa, scarponi e quant’altro sono pane quotidiano (visto anche che Simone pratica il Soft Air)…

Abbiamo anche deciso di fare un’escursione alle Cinque Terre. Strada facendo volevamo andare a trovare quell’amico che Maurizio ed altriavevano aiutato dopo l’alluvione di cui avevo parlato in questo post, visto che si trovava in quella zona. Dopo aver girato come persi tutta la mattina, ed aver rimpianto amaramente l’assenza di un navigatore satellitare,  finalmente l’abbiamo trovato. Sembra impossibile, ha fatto un lavoro strepitoso, non si riesce neanche a capire che solo l’anno scorso lì ci fosse la devastazione totale. Adesso altri olivi, altri lamponi, hanno fatto rinascere la vita dal fango e dai detriti. Nel pomeriggio, dopo un delizioso pranzo in un ristorantino di pesce della zona (e ci voleva!),  si riparte per le Cinque Terre. Arriviamo in zona dal centro. Tre delle cinque terre a sinistra, due a destra. Scegliamo di andare verso Corniglia e seguiamo la strada che ci indica una signora del posto e che sembra sia l’unica per arrivare fin lì. Probabilmente saremo gli unici sulla Terra a non essere riusciti ad arrivarci. Terrore puro ha pervaso l’abitacolo della macchina quando ci siamo trovati su una stretta e tortuosa strada di montagna, con lo strapiombo sotto, una fitta nebbia e l’asfalto franato in molteplici punti a testimonianza delle le ferite causate dall’alluvione. Arrivati in fondo, e non vedendo altre indicazioni, siamo letteralmente fuggiti da lì.

Sulla via del ritorno, non appena eravamo riusciti a tirare un sospiro di sollievo, Maurizio si è fatto venire la voglia di fare una visita a Sant’Anna di Stazzema, che in teoria era “di strada”. Beh non c’è che dire, di strada ne abbiamo fatta tanta, infatti, dirigendoci verso Stazzema in realtà siamo arrivati sull’altro lato della montagna. Nonostante il nome, Sant’Anna di Stazzema si trova vicino a Pietrasanta. Alla fine ce l’abbiamo fattaad arrivare,  abbiamo visitato la chiesa, nella quale un marmo appeso al muro dietro l’altare ricorda con foto ed età i civili, per la quasi totalità composti da vecchi, suore, donne e bambini, neonati e donne in gravidanza,   che si erano nascosti sui monti per scampare dalla guerra e che furono barbaramente trucidati e bruciati con il lanciafiamme dai tedeschi nel 1944.

La Chiesa di Sant’Anna

La lapide esterna alla chiesa

Il santuario in cima alla collina, dove si arriva percorrendo una Via Crucis

E’ stata una visita molto toccante, e abbiamo deciso di tornare l’anno prossimo (ormai sappiamo la strada…) perché con tutto quel viaggiare siamo arrivati tardi per visitare il museo.

Ma la vera rivelazione di quest’anno, come dicevo prima, è stata la visita a Bolgheri.

E’ un piccolo borgo a pochi chilometri da Castagneto Carducci, antico feudo dei Conti della Gherardesca, molto famoso per questo magnifico viale, lungo circa cinque chilometri, affiancato da oltre 2000 cipressi che da San Guido conducono fino all’ingresso del borgo:

che, fra le altre cose, ha ispirato questa  celebre (e lunghissima) poesia :

Davanti a San Guido

I cipressi che a Bólgheri alti e schietti
Van da San Guido in duplice filar,
Quasi in corsa giganti giovinetti
Mi balzarono incontro e mi guardar.
Mi riconobbero, e— Ben torni omai —
Bisbigliaron vèr’ me co ‘l capo chino —
Perché non scendi ? Perché non ristai ?
Fresca è la sera e a te noto il cammino.
Oh sièditi a le nostre ombre odorate
Ove soffia dal mare il maestrale:
Ira non ti serbiam de le sassate
Tue d’una volta: oh non facean già male!
Nidi portiamo ancor di rusignoli:
Deh perché fuggi rapido cosí ?
Le passere la sera intreccian voli
A noi d’intorno ancora. Oh resta qui! —
— Bei cipressetti, cipressetti miei,
Fedeli amici d’un tempo migliore,
Oh di che cuor con voi mi resterei
— Guardando lor rispondeva — oh di che cuore !
Ma, cipressetti miei, lasciatem’ire:
Or non è piú quel tempo e quell’età.
Se voi sapeste!… via, non fo per dire,
Ma oggi sono una celebrità.
E so legger di greco e di latino,
E scrivo e scrivo, e ho molte altre virtú:
Non son piú, cipressetti, un birichino,
E sassi in specie non ne tiro piú.
E massime a le piante. — Un mormorio
Pe’ dubitanti vertici ondeggiò
E il dí cadente con un ghigno pio
Tra i verdi cupi roseo brillò.
Intesi allora che i cipressi e il sole
Una gentil pietade avean di me,
E presto il mormorio si fe’ parole:
— Ben lo sappiamo: un pover uom tu se’.
Ben lo sappiamo, e il vento ce lo disse
Che rapisce de gli uomini i sospir,
Come dentro al tuo petto eterne risse
Ardon che tu né sai né puoi lenir.
A le querce ed a noi qui puoi contare
L’umana tua tristezza e il vostro duol.
Vedi come pacato e azzurro è il mare,
Come ridente a lui discende il sol!
E come questo occaso è pien di voli,
Com’è allegro de’ passeri il garrire!
A notte canteranno i rusignoli:
Rimanti, e i rei fantasmi oh non seguire;
I rei fantasmi che da’ fondi neri
De i cuor vostri battuti dal pensier
Guizzan come da i vostri cimiteri
Putride fiamme innanzi al passegger.
Rimanti; e noi, dimani, a mezzo il giorno,
Che de le grandi querce a l’ombra stan
Ammusando i cavalli e intorno intorno
Tutto è silenzio ne l’ardente pian,
Ti canteremo noi cipressi i cori
Che vanno eterni fra la terra e il cielo:
Da quegli olmi le ninfe usciran fuori
Te ventilando co ‘l lor bianco velo;
E Pan l’eterno che su l’erme alture
A quell’ora e ne i pian solingo va
Il dissidio, o mortal, de le tue cure
Ne la diva armonia sommergerà.
— Ed io—Lontano, oltre Apennin, m’aspetta
La Tittí — rispondea; — lasciatem’ire.
È la Tittí come una passeretta,
Ma non ha penne per il suo vestire.
E mangia altro che bacche di cipresso;
Né io sono per anche un manzoniano
Che tiri quattro paghe per il lesso.
Addio, cipressi! addio, dolce mio piano! —
— Che vuoi che diciam dunque al cimitero
Dove la nonna tua sepolta sta? —
E fuggíano, e pareano un corteo nero
Che brontolando in fretta in fretta va.
Di cima al poggio allor, dal cimitero,
Giú de’ cipressi per la verde via,
Alta, solenne, vestita di nero
Parvemi riveder nonna Lucia:
La signora Lucia, da la cui bocca,
Tra l’ondeggiar de i candidi capelli,
La favella toscana, ch’è sí sciocca
Nel manzonismo de gli stenterelli,
Canora discendea, co ‘l mesto accento
De la Versilia che nel cuor mi sta,
Come da un sirventese del trecento,
Piena di forza e di soavità.
O nonna, o nonna! deh com’era bella
Quand’ero bimbo! ditemela ancor,
Ditela a quest’uom savio la novella
Di lei che cerca il suo perduto amor!
— Sette paia di scarpe ho consumate
Di tutto ferro per te ritrovare:
Sette verghe di ferro ho logorate
Per appoggiarmi nel fatale andare:
Sette fiasche di lacrime ho colmate,
Sette lunghi anni, di lacrime amare:
Tu dormi a le mie grida disperate,
E il gallo canta, e non ti vuoi svegliare.
— Deh come bella, o nonna, e come vera
È la novella ancor! Proprio cosí.
E quello che cercai mattina e sera
Tanti e tanti anni in vano, è forse qui,
Sotto questi cipressi, ove non spero,
Ove non penso di posarmi piú:
Forse, nonna, è nel vostro cimitero
Tra quegli altri cipressi ermo là su.
Ansimando fuggía la vaporiera
Mentr’io cosí piangeva entro il mio cuore;
E di polledri una leggiadra schiera
Annitrendo correa lieta al rumore.
Ma un asin bigio, rosicchiando un cardo
Rosso e turchino, non si scomodò:
Tutto quel chiasso ei non degnò d’un guardo
E a brucar serio e lento seguitò.

    (G. Carducci)

All’ingresso del paese si viene accolti dalla maestosità del Castello dei Conti della Gherardesca, di origine medievale, che sembra appoggiarsi su un tappeto di fiori coloratissimi

Ci raccontava una signora che in inverno  la banca e la posta sono aperte solo due giorni la settimana, il dottore viene con la macchina e visita a domicilio  i pochi abitanti (circa 40, quasi tutti anziani) che ancora risiedono lì. Non c’è nemmeno la farmacia, né un negozio di alimentari aperto, tant’è che viene un furgone tutti i giorni (?) a vendere generi di prim necessità come frutta, pane, latte ecc.

Ma in estate il paese riprende vita, si riaprono le tante botteghine di prodotti tipici locali, fra cui i rinomati vini come il pregiatissimo Sassicaia. Riaprono i ristoranti (tantissimi per un borgo così piccolo) e nell’ex scuola del paese vengono ospitate  a  rotazione mostre di pittori locali (Viste! E che ve lo dico a fare?). Ho avuto l’opportunità, con la mia faccia tosta, di osservare al lavoro (e farmi anche spiegare un po’ la tecnica) uno scultore locale, che con la creta crea delle bellissime opere tridimensionali ispirate alla vita contadina. Oltre un mese per asciugare opere come questa e poterle poi cuocere per farle diventare così!

Abbiamo visto gli olivi secolari che si trovano in un piccolo giardino, piantati un giorno imprecisato intorno al 1720

e la statua di Nonna Lucia (la nonna di Carducci)

Ho chiesto allo scultore se l’aveva fatta lui, visto che lo stile poteva farlo sembrare, e sapete che mi ha risposto? “No, io l’avrei fatta molto meglio di così!”  E qui mi è cascato di grazia…..poi si è un po’ ripreso dicendo che la statua non rispecchia l’immagine che Carducci dà della nonna nella sua poesia….vabbé….in ogni caso se la poteva risparmiare..

Aggiornamento del 11/02/2013

Ho scoperto che l’opera è stata scolpita dal prof. Flavio Melani, scultore, pittore ed incisore dotato di grande talento che vive e lavora proprio a Castagneto Carducci. Le sue  bellissime opere possono essere ammirate sul suo sito e anche in una prossima mostra personale che si terrà a Bolgheri da metà Luglio 2013.

Abbiamo visitato la mostra per la presentazione di una nuova fragranza della famosa Acqua di Bolgheri, la linea Corallo, in una stanza multisensoriale dove dei diffusori spandevano la fragranza nell’aria, immagini di foto subacquee scorrevano in uno slideshow su una parete accompagnate da rumore di bolle subacquee.

Ecco qua. Fine reportage. Se siete arrivati fin qua senza stramazzare o addormentarvi meritate un premio.
Per quanto mi riguarda, il premio più bello è quello che non ti aspetti, e questo ho avuto in queste vacanze.

E l’immagine che mi porto negli occhi , e che sarà il soggetto del mio prossimo quadro, è questa: